mercoledì 18 maggio 2016

Nuitdebo (così come si pronuncia)

Ridendo e scherzando ma soprattutto pensando e ripensando, ho saltato il post di aprile. Scusandomi con i miei numerosi lettori rimedio subito con quello di maggio. Un post che voglio fare in fretta e furia mentre aspetto il messaggio del parrucchiere Carlo. Così vi copio e incollo le mie ricerche estemporanee su internet.

Sto guardando il sito del movimento Nuit Debout, conosciuto grazie a Franca, approfondito grazie alle pagine di Internazionale ma soprattutto scoperto dal vivo grazie al coordinamento precari Istat. Prima qualche precisazione, il movimento Nuit Debout nasce da una protesta di cittadini, extra partiti ed extra sindacati, contro la riforma del lavoro, chiamata Jobs Act, come quella italiana, ma a detta del nostro ministro "è molto diversa dalla nostra... noi sui contratti non abbiamo toccato nulla e abbiamo rimesso tutto alle parti sociali". 

Il movimento si compone di gruppi di studenti, associazioni, centri sociali, e singoli cittadini che da ben 6 fine settimana si riuniscono nelle piazze di molte città francesci, tra cui Place de la Republique a Parigi. Particolarità: le assemblee avvengono dalle 20 in poi, per questo Nuit Debout, ossia notte in piedi, e sono dei momenti di confronto costruttivo sulla riforma, in cui vengono presi appunti per parola chiave ad ogni intervento/sollecitazione. La stessa modalità è stata presa da alcuni, spero sempre più numerosi, colleghi dell'Istat per contestare in modo propositivo la riforma degli Enti Pubblici di Ricerca (EPR), con lo slogan Enti in Piedi per la Ricerca (EPR... vivi).

E quindi visto che da istattiana vorrei partecipare mi stavo spizzando il sito della Nuit Debout. Su cosa mi cade l'occhio? I social network utilizzati dal movimento. Utile no? 

Eccoli:

Dal blogroll del sito web del movimento https://nuitdebout.fr/








Quante ne conoscete? Io mi fermo al secondo, Bambuser non so cosa sia, Instagram ce l'ho, Tumblr l'ho sentito nominare, Periscope più o meno, Snapchat forse sì, gli ultimi tre mi fanno sentire veramente superatà, con l'accento finale sulla A. 

Resto in piedi anche per questo. Nel frattempo il parrucchiere Carlo non ha risposto e il post che voleva essere veloce mi ha portato via due orette. Questi i tempi sul web. Social o non social.

Nessun commento: