lunedì 7 settembre 2015

I nuovi servizi di Google di cui tanto si parla

Google pantone - From Pinterest
Dopo l'uscita del nuovo logo di Google, ogni notizia connessa a quello che, una volta, era solo un motore di ricerca cattura la mia attenzione. Ebbene sì, sono caduta nella strategia comunicativa della società. E quindi anche ieri sera leggo di Google e del suo nuovo servizio che "invece di dare le risposte fa le domande". Non ho capito ma continuo a leggere. "Basta digitare fun facts nel box delle ricerche e apparirà una finestra apposita che fornirà, del tutto a caso, domande e risposte...". No, devo vedere per credere. Solo che dal cellulare non riesco a collegarmi a Google.com, sì perché la nuova funzione è disponibile solo sulla pagina ".com", che sfido chiunque ad aprire perché bisogna prima disconnettersi dal proprio account Google e poi cercare il pulsante "Utilizza Google.com". Mi addormento senza riuscirci dormendo ovviamente poco serena.

Oggi pomeriggio ci riesco (ma giuro che nel frattempo ho fatto anche altro) e così visualizzo la mia prima domanda di Google con relativa risposta: "Can you store onions and potatoes together?". A quanto pare no. Ecco sabato ho comprato proprio cipolle e patate. Ma per fortuna non le conservo insieme.

Ma la cosa che mi ha colpito e che mi ha convinto a scrivere questo post è la rotazione degli "i'm feeling..." sul pulsantino che una volta diceva soltanto che si sentiva "lucky". Avete capito qual è? No? Il pulsante "Mi sento fortunato"... che sta sulla pagina di Google.it accanto a "Cerca su google" e che ci rimanda direttamente alla prima pagina che il motore di ricerca trova per le nostre richieste. Nella versione inglese il "i'm feeling..." se solleticato con il mouse diventa "hungry", rimandando ad una ricerca di ristoranti, diventa "playful", o ancora "artistic", "puzzled", "generous", "wonderful", "trendy". O ancora, il mio preferito: "stellar".

Ecco io ve l'ho detto. Ma soprattutto ho cercato di spiegarvelo. Oggi ci sono pulsantini che ruotano su Google. E domani che succederà?

Nessun commento: